San Nicolao  
  Vita
Compagno
 La famiglia von Flüe
 Il giovane Nicolao
 Marito e padre
 Uomo politico
 Un altro ti condurrà
 Nel Ranft
 L’«essere unitario»
 Messaggio di pace
 Morire e vivere
 Compagno
Preghiera
Letteratura
 
  Servizi  
  Segretariato
Ostello d. gioventù
Attività pastorale
Museo
Turismo
 
     
   
     
 

Messaggio di pace dal Ranft

       
   

Non si sa che cosa Fratel Nicolao abbia consigliato ai Signori della Dieta di Stans, ma, circa un anno dopo, in una lettera ai Signori del Consiglio di Berna, egli riflette sulla pace. Esprime le sue esperienze e considerazioni sulla pace con parole semplici.

Prima di tutto viene la regola di condotta dell’uoma pratico, che ha sperimentato in molti modi ciò che serve veramente per la vita. «L’obbedienza è il più grande onore che ci sia in cielo e sulla terra. Cosí, cercate di obbedirvi mutuamente». Già come giudice Nicolao ha sperimentato ciò che conduce alla pace. In primo luogo, «ascoltarsi», ossia capire ciò che sta a cuore a chi ti sta di fronte, prestare attenzione e accogliere dentro di te le preoccupazioni, le ferite e i sogni (desideri) dell’altro. In secondo luogo, «obbedirsi vicendevolmente», cioè fare un passo incontro all’altro, entrare in colloquio con lui e cercare una soluzione che vada bene per le due parti. L’«obbedirsi vicendevolmente » è in netto contrasto con i modi abituali dei Confederati, che risolvono più volentieri i problemi con le alabarde che con le trattative. E spesso i lanzichenecchi (mercenari) portano le loro rozze maniere in famiglia. Con la regola «obbedirsi vicendevolmente » Fratel Nicolao dà vita a un nuovo stile di comportamento nell’ambiente familiare e a una nuova cultura nell’ambito politico.

Come uomo di Dio, come mistico, egli fa esperienze profonde. Il semplice simbolo della ruota gli svela il Dio Trino, che esce, per cosí dire, dal mistero della sua vita intima, abbraccia cielo e terra e torna di nuovo alla sua unità e alla sua pace. Il mistico Nicolao della Flüe sperimenta Dio come
Sorgente primordiale della pace. Nella lettera ai Bernesi, la sua convinzione gli fa scrivere: «La pace è sempre in Dio, poiché Dio è la pace».

Fratel Nicolao possiede le due cose: lo sguardo per le profondità della fede e il senso della vita concreta. Il santo e l’uomo formano in lui una cosa sola e poiché vive partendo da questa unità, riesce credibile per i suoi concittadini. Oggi ancora si percepisce la sua irradiazione.

     
  Programma  
  Messes  
  Pellegrinaggi  
  Luoghi santi
Percorsi
 
  Diversi  
  Links  
     
  deutschfrançaisitalianoenglishespañol